Ansia

Che cosa è L’ansia?

L’ansia comune, o fisiologica, è uno stato di agitazione psichica e del corpo che implica un’attivazione diffusa di tutte le risorse della persona, permettendo così di intraprendere azioni e comportamenti utili all’adattamento. La parola “ansia” deriva dal Latino angĕre, che significa restringere, ed è un effetto, per quanto spiacevole, comune a vari momenti e condizioni della vita umana. È importante stabilire i confini tra ansia normale (fisiologica) e patologica. La prima è indirizzata verso uno stimolo realmente esistente, spesso noto, rappresentato da condizioni solitamente ardue ed inusuali. L’ansia è al contrario patologica quando tedia in maniera più o meno notevole il funzionamento, determinando una limitazione importante della persona. È frequentemente contraddistinta da uno stato d’incertezza riguardo al futuro, con la preponderanza di sentimenti spiacevoli; a volte è vaga, cioè senza una esatta causa riconoscibile, oppure può riguardare determinati oggetti ed avvenimenti; si connette ad un futuro prossimo, oppure alla possibilità di situazioni più o meno lontane; accompagna spesso altri problemi psicologici e psichiatrici; ha un’intensità tale da provocare una sofferenza intollerabile; determina condotte che limitano l’esistenza, come l’evitamento di situazioni ritenute potenzialmente pericolose o di controllo attraverso la messa in atto di riti di vario genere.

I miei livelli di Ansia sono “normali” ?

Non esiste un livello di ansia normale. Diciamo che ognuno di noi convive con livelli di ansia diversi. Quello che è fondamentale è capire se riusciamo a vivere bene, con il nostro livello di ansia. Talvolta l’agitazione raggiunge livelli talmente alti da causare veri e propri episodi di panico (attacchi di panico). Una persona soggetta a picchi cosi elevati di stress, difficilmente potrà dire di vivere una vita serena.  Per chiarire di cosa sto parlando, qui di seguito elenco i sintomi caratteristici dell’episodio di panico:

  • Rapido battito cardiaco
  • Sudorazione
  • Tremore
  • Mancanza di fiato
  • Iperventilazione
  • Brividi
  • Vampate di calore
  • Nausea
  • Crampi addominali
  • Dolore toracico
  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Debolezza
  • Gola che stringe
  • Difficoltà a deglutire
  • Un senso di morte imminente

Si possono presentare pochi o molti di questi segnali, di solito gli attacchi di panico iniziano improvvisamente, senza preavviso; arrivano al loro picco entro 10 minuti e durano circa trenta minuti, ma sono comunque molto variabili in durata ed intensità. Possono durare anche delle ore o, in rare occasioni, fino ad un giorno intero. Ci si può sentire stanchi e logori dopo che un attacco di panico si è placato. Uno degli aspetti peggiori è la paura intensa di avere un altro episodio. La paura, grande emozione alla base di questo disturbo, può crescere e limitare notevolmente la vita di chi ne soffre. Non è infrequente che al disturbo di attacco di panico, si aggiungano altri problemi, come quello della paura di uscire di casa o di frequentare luoghi dove non ci si sente sicuri.

Cos’è l’ansia generalizzata?

Un tipo di ansia che compromette la vita di tutti i giorni potrebbe anche essere più generalizzato e non essere confinata ai minuti dell’attacco di panico. Il disturbo d’ansia generalizzata non insorge necessariamente in risposta a stimoli esterni, anche se eventi stressanti o un ambiente complessivamente sfavorevole possono slatentizzarne o aggravarne le manifestazioni.

Siamo in tanti che ne soffrono?

L’ansia patologica si ritrova, oltre che come un disturbo a sé stante, anche in quasi tutte le malattie psichiatriche: demenze, schizofrenia, depressione e mania, disturbi di personalità, sessuali e dell’adattamento. Si tratta di un problema che ha una prevalenza, nell’arco della vita, del 30,5% nelle donne e del 19,2% negli uomini.

Se ne può uscire?

Fortunatamente si. Oggi, per il trattamento degli attacchi di panico, sono stati sviluppati protocolli di terapia strategica breve (non più di 20 sedute). Questo protocollo include: sia la diagnosi psicologica (necessaria per avere una misura dell’ansia e un profilo della personalità) sia le prescrizioni comportamentali vere e proprie e sia le 3 sedute di controllo dopo 3- 6-12 mesi (fonte: guidapsicologi.it). Un esempio di trattamento del disturbo lo puoi trovare fra i miei articoli.

Per qualsiasi domanda è disponibile il modulo qui sotto

[contact-form-7 404 "Not Found"]