Cambiamento e mindfulness 202 - PSICOHELP, lo psicologo a portata di click
349
post-template-default,single,single-post,postid-349,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Cambiamento e mindfulness 202

Cambiamento e mindfulness 202

E’ importante capire che per fare i cambiamenti nella vita non serve solo la forza. Per la maggior parte del tempo nella nostra vita, abbiamo il pilota automatico e il nostro cervello prende decisioni rapide per noi. Il nostro cervello si basa sulla nostra storia sul nostro umore e sull’ambiente. Da queste variabili produce un comportamento che è il più adatto alla situazione. Tuttavia, quando stiamo cercando attuare un cambiamento e meglio spegnere il pilota automatico. Nei cambiamenti il pilota automatico tende a farci percorrere sempre la vecchia strada. Il mio intento ora è quello di legare la pratica della mindfulness all’arte del cambiamento (in tutte le richieste dei miei clienti, nel coaching personale e’ presente una richiesta di cambiamento).

Come spiega Kabat Zinn nel filmato qui sotto, il pilota automatico fa abdicare “noi” da “noi stessi”. Significa in parole più semplici che rinunciamo a controllare quello che accade per affidarci e lasciarci guidare dalle abitudini e dalla routine. Per fare questo la nostra attenzione viene solitamente sfuocata o posizionata su particolari poco significativi. La mindfulness aiuta a riportare l’attenzione a pilotarla a tenerla sotto controllo. Per questo la mindfulness e’ amica del cambiamento.

Non è semplice riprendere le redini dei propri pensieri e per farlo occorre allenamento. Ci sono due tipi di allenamento: quello formale dove si dedicano dai 10 minuti in su di pratica meditativa ogni giorno. Poi esiste l’allenamento informale dove la pratica avviene quasi spontaneamente utilizzando una tecnica chiamata breathing space oppure direnzionando consciamente l’attenzione su particolari sensazioni fisiche.  Se noti nella serie di filmati che propongo, Kabat Zinn si ferma spesso, socchiude gli occhi e respira. Non ho la certezza, ma molto probabilmente in quel momento sta riportando l’attenzione sul corpo e sul respiro.

La pratica informale e quella formale sono esercizi importanti per essere consapevoli e per essere in grado di guidare la propria mente quando e’ necessario farlo. Nelle fasi di cambiamento questo è indispensabile.

Ma ora ho parlato anche troppo. Ti lascio al video

Please follow and like us:
No Comments

Post A Comment