Cambiamento nella coppia, consigli dallo psicologo online
7679
post-template-default,single,single-post,postid-7679,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Cambiamento nella coppia, un partner resistente

Cambiamento nella coppia, un partner resistente

Uno dei problemi più sentiti che devono affrontare i partner è la resistenza degli individui al cambiamento nella coppia. Tale resistenza può assumere un certo numero di forme che possono talvolta manifestarsi in litigi cronici, ostilità, scontrosità nella vita relazionale. La resistenza al cambiamento, anche nelle forme più lievi può essere molto fastidiosa e controproducente per il crescere della coppia.

Troppo comodo per cambiare

imagesTroppo spesso quando i partner incontrano resistenza al cambiamento,raccontano di mariti o mogli che non vogliono cambiare per pigrizia, disinteresse o contrarietà manifesta ai cambiamenti. Purtroppo o per fortuna i cambiamenti devono avvenire molto frequentemente nella vita delle persone e per questo anche nella coppia.

Ne consegue, quindi, che la gestione del cambiamento è importantissima per la trasformazione e la sopravvivenza stessa della coppia. Uno psicologo online deve spesso rispondere a richieste di persone che hanno problemi ad ottenere un cambiamento all’interno della propria coppia.  Le persone si rivolgono a me quando dopo anni di tentativi e di sopportazione si accorgono di non avere il potere di instillare i cambiamenti desiderati e frequentemente sono sull’orlo della separazione. La prima richiesta che ricevo è quella che verte sul come separarsi. Quando indago e chiedo del perché, le risposte che ricevo sono del tipo: sono anni che sopporto questa situazione che non riesco a cambiare e allora voglio interrompere. Ragionando con la persona, in una buona percentuale di casi scopro che i modi usati per richiedere i cambiamenti desiderati sono ripetitivi, poco efficaci e poco adatti alla situazione. Preso atto del desiderio di cambiamento chiedo alla persona che si rivolge a me se voglia provare con altri metodi.  In prima battuta il mio o la mia cliente risulta scettica ma se accettano l’invito a provare, nel 90% dei casi riusciamo a sbloccare la situazione. E’ cosi che una richiesta di come gestire una separazione si trasforma in una richiesta di come gestire un cambiamento all’interno della coppia e come ristrutturare il rapporto.

ButterflyLifeCycle-600x300

Strade che non portano a cambiamenti

Un approccio che le persone usano quando hanno a che fare con la resistenza al cambiamento nella coppia è quello di spingere il proprio partner a partecipare al cambiamento in modo esplicito. Questo avviene attraverso, prediche, discorsi “persuasivi” e anche qualche litigio. Questo a rigor di logica è un approccio che dovrebbe dare dei buoni risultati e vale la pena provare. Tuttavia se dopo qualche tentativo la situazione non si sblocca, allora forse è il caso di passare ad altri metodi. Chi si rivolge al mio studio di psicologia online o anche chi vedo in carne ed ossa, di solito rimane in stallo per anni prima di cercare altre strade.  In molti casi la la chiave del problema è quella di capire la vera natura della resistenza. In realtà, ciò a cui le persone resistono di solito non è il cambiamento tecnico ma il cambiamento-sociale e il cambiamento relazionale che generalmente accompagna il cambiamento tecnico.

Cosa le coppie dimenticano di fare

Altro punto fondamentale che consideriamo durante le sedute è quello di misurare vantaggi e svantaggi che porta il cambiamento. Se per esempio un partner (di solito il maschio) tende a scambiare l’altro partner per un servo, allora introdurre un cambiamento che bilanci il carico di lavoro fra i due sarà portatore di alcuni svantaggi per chi ha, sino ad ora, avuto la vita più comoda.

Individuare gli svantaggi permette di valutare strade per ridurli o di tirare fuori il problema specifico in modo da poterne parlare. Infine una cosa che spesso si tralascia è quella di pensare alla comunicazione. Riscontro frequentemente dei problemi di comunicazione nelle coppie che sono bloccate e stanno morendo per la mancanza di cambiamento. Mi faccio spesso mandare (con l’autorizzazione di entrambe i partner) copie dei messaggi scambiati con i vari mezzi di comunicazione (skype, whatzup, face book, sms, etc) e da queste capisco molte cose. Comprendo soprattutto come la comunicazione sia poco curata. I messaggi sono ridondanti, contengono minacce oppure offese. Tutti questi aspetti disfunzionali della comunicazione si fanno più frequenti quando le parti litigano o affrontano proprio i temi del cambiamento.

Allenare il cambiamento

Talvolta è utile introdurre piccoli cambiamenti piacevoli. Questi, specialmente in coppie insieme da anni, possono aprire la strada a cambiamenti meno piacevoli per uno dei due partner. Il cambiamento, se vissuto in modo positivo può aprire la strada e agevolare altri cambiamenti. Spesso prescrivo alle persone di inventare un cambiamento di ruoli, una sorta di gioco in cui ci si scambiano le parti e i ruoli. Se per esempio un partner si occupa di scegliere il ristorante dove andare a mangiare, allora sarebbe utile se l’altro partner dovesse iniziare a farlo (e magari farlo in modo innovativo). Un altro esempio potrebbe essere fatto con chi si occupa solitamente di fare la spesa o portare fuori il cane o, ancora di preparare il pranzo. Anche se per un periodo limitato di tempo, introdurre questa novità è utile. Chi poi spinge il cambiamento può proporre questi cambiamenti e aggiungere un po di creatività. Anche nella vita sessuale vale lo stesso principio.

onlinne psycholgistCreare l’ambiente adatto al cambiamento

Come psicologo Online e come coach invito frequentemente le persone con le quali lavoro a pensare al cambiamento nella coppia come un avvenimento da preparare. Per esempio, per fare un caso meno pratico e più astratto posso parlare del cambiamento auspicato da un partner più attivo, affinché anche l’altro partner diventi anche’esso più attivo e propositivo.

Caso tipico è quello della moglie che si lamenta del fatto che il marito non sia più interessante, non sia più propositivo ed sia diventato  troppo rilassato nella routine quotidiana. Ottenere un cambiamento in questo caso significa preparne l’ambiente. Quando propone alternative il parnter pigro è bene rinforzarne il comportamento propositivo. Si può anche preparare l’ambiente accennando ad un ipotetica attività e lasciando che il partner più pigro se ne occupi. Le prime volte meglio ancora se l’attività suggerita è piacevole per il partner pigro. In un caso il marito si sdraiava sul divano e non si muoveva tutte le sere della settimana. La moglie voleva invece uscire e cosi dopo un po di lavoro abbiamo deciso di partire dall’accennare ad uscite che piacevano soprattutto al marito. In quel caso, proporre di uscire parlando del bowling è stato il primo passo che ha portato ad un cambiamento più grande. Anche per una questione di reciprocità, il marito si sentiva poi quasi obbligato a soddisfare il desiderio della moglie di andare prima nel loro vecchio ristorantino. In questo modo il comportamento del marito era ricompensato e rinforzato.

Quando rivolgersi allo Psicologo Online o tradizionale

Quando sono mesi, se non anni che si prova ad introdurre un cambiamento nella coppia e non si riesce. Molti clienti mi confidano che hanno aspettato a lungo prima di decidersi a fare un colloquio. I motivi sono tanti e vanno da quelli economici alla vergogna di doversi recare (o collegare via skype) con uno psicologo. L’imbarazzo risulta inferiore quando si incontra lo psicologo online o lo psicologo via skype. In diversi casi, il cliente si rivolge a me e chiede di fare la prime sedute rompighiaccio via chat o via telefono. In ogni circostanza, quando dopo aver lavorato per qualche seduta, la persona si accorge che una situazione bloccata da anni si apre e inizia a cambiare, allora essa rimpiange il fatto di non aver iniziato prima. Molto spesso costa di più incaponirsi e restare in una situazione bloccata, che pagare un professionista per un aiuto concreto.

Per domande o approfondimenti posso essere contattato con il modulo qui sotto:

IL TUO NOME (richiesto)

LA TUA EMAIL (richiesto)

IL TUO NUMERO DI TELEFONO (richiesto)

CHI VUOI CONTATTARE
Dr.Marco GiacobbiDr.Federica Gradante

IL TUO MESSAGGIO

Nota: Per correttezza e rispetto della tua privacy, il sistema impedisce l'invio della mail senza il consenso al trattamento dei dati.

In ottemperanza dell'informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali", esprimo il consenso al trattamento dei miei dati sensibili conferito al direttore scientifico del sito dott. Marco Giacobbi

 

Please follow and like us:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.