Un Coach che ti segue online: la soluzione ai tuoi problemi
6974
post-template-default,single,single-post,postid-6974,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Coach online 2.0

Coach online 2.0

Coach online 2.0, due parole sul coaching da un nuovo punto di vista scientifico.

Questa specializzazione è da sempre stata caratterizzata da apporti creativi, di condivisione, cooperazione, fra professionisti che sul campo sperimentavano le loro teorie.
Solo successivamente, ha fatto il suo ingresso nelle scuole ufficiali e nelle università. Oggi si sta aprendo una nuova fase che prende forma nella seconda generazione di coach online ed è basata su due argomenti fondamentali: le basi teoriche del modello di intervento e la verifica empirica della sua efficacia.
Questo nuovo avviamento verso la teoria e la disciplina scientifica, sta accrescendo il coaching con nuovi strumenti e abilità e sta incrementando a sua volta la diffusione e il suo utilizzo nelle imprese, nelle istituzioni, nelle organizzazioni.
coach online 2.0In Francia ed il Inghilterra nello specifico, ci sono molti master, corsi, riviste, confederazioni, programmi televisivi dedicati alla professione del coach. Il coaching, all’estero, ha oltrepassato la sua iniziale fase di beta test.
La prima flotta di coaches ha conquistato il mercato grazie al carisma personale e alle intuizioni di famosi predecessori (allenatori sportivi, psicologi, insegnanti, consulenti aziendali, motivatori), che hanno messo il focus della loro attenzione su come potenziare le risorse che erano gia’ caratteristiche intrinseche nei loro clienti.

Il coaching come metodo di azione, sviluppo e realizzazione, ha avuto diverse fasi in qui a casa nostra. La diffusione del coaching nel nostro paese parte apertamente da questa esigenza di rendere fruibile il modello teorico e provare l’efficacia in termini scientifici. Esigenza che non mette da parte la spinta natia dei primi coach, ovvero la fase centrata sulla persona e di carattere quasi filosofico che lo ha contraddistinto e differenziato da altre scuole. Su questa linea, una delle discipline che ha fatto da incubatore al coaching è stata la Programmazione Neuro-linguistica. Non a caso la maggior parte dei coach disponibili in rete, ha una formazione in PNL.
Proprio in quello che potremmo definire il coaching 2.0, la collaborazione fra psicologia scientifica e coaching sta generando i risultati piu’ importanti.
In particolare la congiunzione e’ data da un recente sviluppo scientifico della psicologia, chiamato “psicologia positiva“.

Psicologia positiva e coaching

La “psicologia positiva” suggerisce di investigare categorie e metodi di ricerca/intervento scientifico sulle potenzialita’ umane.
Una delle collaborazione piu singolari fra coaching e psicologia positiva e’ descritta in un libro Positive Psychology Coaching scritto da un coach online, Ben Dean, e da uno psicologo clinico, Robert Biswas.

I punti di incontro  fondamentali  sono diversi, per esempio: l’avanzamento della ricerca psicologica scientifica sulle potenzialita’ umane consente una maggiore consapevolezza e autorità sugli indirizzi dei loro interventi. Le scoperte della psicologia positiva hanno permesso  l’elaborazione di strumenti di assessment messi a disposizione dei coach per i loro clienti (non si tratta di test psicologici ad uso esclusivo di psicologi, ma di test piu’ blandi che potrebbero essere utili per dare un’indicazione di massima).

L’avanzamento della ricerca psicologica sui modelli di eccellenza, spesso frutto di interventi dei coach, sta permettendo di creare nuovi strumenti e tecniche di miglioramento e crescita;

coach 2.0Psicologi online e coach online

Gli psicologi clinici si stanno offrendo per fare supervisione ai coach, permettendoli di avere piu consapevolezza dei loro punti di forza e di debolezza. Gli psicologi stanno accedendo all’ambito della formazione dei coach, in quanto sono in grado di migliorare la loro formazione personale e tecnica (il coaching infatti oltre a tecniche e metodi e’ efficace grazie all’implicazione personale del coach nella relazione con il cliente). Tuttavia, l’aspetto della formazione tecnica in picologia per chi non è psicologo è piuttosto controverso in quanto gli psicologi non possono insegnare tecniche psicologiche a persone esterne alla categoria. Una sentanza recente ha sancito il divieto di formare persone che non siano psicologi o psicoterapeuti all’uso di tecniche psicologiche. Molti psicologi stanno diventando coach online professionisti, e chi sta scrivendo è l’esempio vivente di come uno psicologo clinico possa fare anche il coach. Nella fattispecie, mi sono formato prima come psicologo e poi come coach presso l’american coaching association.

Non ultimo, la cooperazione fra  l’esperto coach e il ricercatore scientifico psicologo sta provando l’efficacia degli interventi, riportando il coaching ad un livello molto piu credibile di prima.

La psicologia positiva trova applicazione anche in ambiti lavorativi. A tal proposito un sito che mi sento di segnalare è http://www.umaniversitas. it/.

Non tutti gli psicologi si stanno dedicando alla psicologia positiva e sappiamo una parte della psicologia si sta sempre piu’ concentrando in un ambito sanitario. Ma per quella parte della psicologia che punta sulle potenzialita’ umane, non in termini terapeutici, ma in termini di sviluppo, crescita, appagamento, autorealizzazione, il coaching sta aprendo nuovi settori, possibilita’ e richieste da parte di clienti.

 

Please follow and like us:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.