Curare l'esaurimento nervoso con lo psicologo ma a casa propria
8354
post-template-default,single,single-post,postid-8354,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Curare l’esaurimento nervoso online

Curare l’esaurimento nervoso online

Curare l’esaurimento nervoso da casa

Abbiamo visto in un precedente articolo come il termine “esaurimento nervoso” non rappresenti una categoria univoca e riconosciuta in ambito clinico. Tuttavia molti di noi usano questo termine per riferirsi ad uno stato di stress e frustrazione che accompagna la persona per un certo periodo di tempo.In questo scritto voglio parlare di qualche aspetto utile a curare l’esaurimento nervoso e lo faccio perché dopo molti anni di attività come psicologo online, mi sono convinto che esistano una serie di manovre capaci di sbloccare la situazione e riportare l’individuo ad una vita piacevole.

Esaurimento nervoso curato online

Molte persone si sono rivolte al mio servizio per chiedere consigli e indicazioni sul come uscire da questa condizione di prostrazione. Di solito cerco di dare qualche dritta basata sul buon senso e su tecniche per la gestione dello stress. Il lavoro tuttavia più efficace e risolutivo riesco a farlo quando prendo in carico il caso e personalizzo l’intervento di supporto psicologico online.

Le cause del malessere possono essere consapevoli o inconsapevoli (consce o inconsce) e spesso la persona non conosce le origini del suo star male.  Quindi il primo passo che mi trovo ad affrontare è quello di indagare se alla base del disturbo esistano delle cause primarie che possono essere eliminate.

L’espatriato e il distress

Per esempio, un ragazzo Italiano che lavora ad Amsterdam si rivolge a me chiedendo di curare l’esaurimento nervoso. Il contatto è avvenuto come capita spesso via mail e poi con un incontro di psicologia online (via Skype). Dopo aver indagato i tempi e i modi in cui i sintomi si erano manifestati (insonnia, tremori, svogliatezza, etc) abbiamo capito che la condizione era causata dalla lontananza da casa e dalla lontananza della propria compagna. In questo caso (relativamente semplice) l’esaurimento nervoso si è risolto con la consapevolezza delle cause e il rientro della persona in Italia. Ci sono volute solo 4 sedute per cambiare il corso della vita di questo ragazzo che,  nonostante fosse diventata miserabile, aveva pianificato altri due anni almeno di permanenza all’estero.

Le cause dietro la maggior parte degli esaurimenti

Il racconto tratto dalla mia esperienza clinica ci fa riflettere sul fatto che spesso possa essere interessante indagare quali siano i motivi di stress e di infelicità. E’ possibile eliminare queste cause? E se non è possibile eliminarle, possiamo almeno lavorarci per rendere gestibile lo stress che producono? Quando iniziano i problemi di sonno forse è troppo tardi per il fai da te. Per questo è bene che altri sintomi dell’esaurimento nervoso facciano scattare il desiderio di ritornare alla condizione normale di benessere.

Come scoprire le cause

Il modo più semplice è quello di chiedersi cosa nel nostro ambiente sia indesiderato e fonte di stress. Se non si sa dare una risposta a questa domanda allora probabilmente la causa è più profonda e nascosta. Qualche indizio può essere dato dall’analisi degli accadimenti che hanno preceduto il periodo di esaurimento. Cosa e’ cambiato nella nostra vita dal prima (sereno) al dopo (esaurimento)?

Quando le cause non si trovano

Capita che da soli non si riesca a venirne a capo. In questo caso un professionista può guidare la strada. Una volta fatte le indagini del caso, lo psicologo può scoprire che non ci sono veri e propri elementi scatenanti ma che si tratta di un insofferenza che è cresciuta piano piano e proviene dal passato. In questi casi può darsi che la vita stessa di una persona abbia preso una piega che è lontana dai valori guida della persona stessa. In effetti questi sono i casi più difficili perché solitamente è necessaria una ristrutturazione a 360 gradi della vita della persona. Talvolta non è possibile stravolgere la vita di persone che magari hanno fatto famiglia e scoprono di avere sempre desiderato altro.

Anche a 80 anni si può cambiare

Un esempio di come sia possibile superare brillantemente un esaurimento nervoso è quello di una signora di 76 che si è rivolta a me perché attraversava un periodo molto triste e stressante. Non erano evidenti cause o motivi di infelicità o frustrazione. La signora era sposata, aveva figli ormai affermati e una buona sicurezza economica. Da un indagine durata un paio di sedute abbiamo scoperto che aveva maturato una certa insofferenza per la vita che ormai conduceva da molti anni. Uno dei desideri che è scaturito dalla ricerca era appunto quello di fare un viaggio in America Latina, viaggio che era da sempre stato osteggiato dal marito. In questo caso il cambiamento è iniziato nel momento in cui la signora ha deciso si andare senza marito. L’effetto è poi stato a valanga e la signora, seppure quasi ottantenne ha iniziato una serie di viaggi che hanno decisamente cambiato la condizione di tristezza che aveva vissuto negli ultimi 10 anni.

Conclusioni

I casi che incontro quasi quotidianamente online parlano di persone che attraversano dei momenti di crisi molto spesso dovuti a circostanze avverse e all’incapacità di gestire le proprio emozioni e reazioni. I modi per uscire da questo tunnel sono essenzialmente due: il primo consiste nel migliorare le condizioni che hanno provocato la crisi (a patto che le si conosca) e il secondo consiste nell’imparare a gestire meglio le proprie emozioni e reazioni ad eventi stressanti. La prima strada è la più semplice anche se non è sempre possibile. La seconda è la più lunga e difficile ma ha il vantaggio che potrà essere usata in futuro per qualsiasi evento stressogeno. Imparare a gestire le proprie emozioni e reazioni è fattibile da soli, ma molto più efficacemente con l’aiuto di un coach o di uno psicologo.

Please follow and like us:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.