FELICITA', seligman - PSICOHELP, lo psicologo a portata di click
101
post-template-default,single,single-post,postid-101,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

FELICITA’, seligman

FELICITA’, seligman

ECCO UN MODELLO PER IL BENESSERE CON ALCUNI ESERCIZI ED UN FILMATO RECENTISSIMO DELL AUTORE….

Il nuovo modello di Seligman per il benessere o fluorish (tradotto con la mazza: fioritura o forse meglio dire, prosperità) va sotto l’acronimo di PERMA (Positive-emotions, Engagement, Relationships, Meaning, Achievement) : emozioni positive, impegno (flusso), relazioni, significato, realizzazione. Chi conosce i vecchi lavori di Seligman noterà che  qualche cosa è tratto pesantemente dal passato ma allo stesso tempo sono state introdotte novità rilevanti.  

Le emozioni positive sono probabilmente più facilmente accessibili nella società di oggi. Ci è stata promessa “felicità” da una serie di “cose”. Possiamo essere felici se siamo più snelli – in modo da acquistare l’ultima dieta disponibile, possiamo essere felici se abbiamo più ricchezza, possiamo essere più felici con questa o quella automobile/cellulare/router wifi/scarpe etc etc.  Tuttavia, le emozioni positive date da questi oggetti sono fugaci. Chi segue la ricerca in psicologia positiva avrà familiarità con lo studio di Barbara Fredrickson che dimostra che per essere in uno stato di felicità, abbiamo bisogno di tre esperienze emotive positive per ogni esperienza negativa di pari intensità. Le emozioni negative, assolutamente necessarie per il benessere, sono meno fuggevoli e vengono ricordate meglio!  Se il benessere fosse affidato alle sole esperienze ed emozioni positive saremmo in balia degli avvenimenti più o meno sfortunati che ci accadono ogni giorno (e forse per qualcuno è veramente in questa condizione). Inoltre continuando a cacciare emozioni positive e stati fuggevoli di felicità, tendiamo ad adattarci e ad avere bisogno di nuovi stimoli, sempre più gratificanti e soddisfacenti. Così, mentre la società moderna sembra voler proporre dei grandi magazzini di oggetti e relative emozioni positive, è altresì chiaro che essi non sono sufficienti da soli per il benessere e la prosperità. Le Emozioni positive, secondo Seligman sono solo una parte della costruzione sulla quale poggia la nostra prosperità (sono la lettera P dell’acronimo).

L‘impegno/coinvolgimento (Engagement) è considerato più nel senso di flusso o flow  (Csikszentmihalyi). Essere pienamente impegnati in qualche lavoro o attività che spesso è associata a una qualche forma di sfida, fisica o intellettuale. Questo avviene per esempio se quello che stiamo facendo ci da l’impressione che il tempo passi più velocemente.  Se l’attività e piacevole il nostro essere impegnati non ci costa e concorre nella costruzione di uno stato mentale positivo.

La R sta per relazioni positive – relazioni con la famiglia, amici, il partner i colleghi di lavoro e persino il cane o il gatto.

Il significato (Meaning) è difficile da affrontare. In un certo senso, il significato è spesso associato con la religione – è collegato a qualcosa di più grande di te (qui sarebbe interessante un collegamento con una teoria affascinante come quella di Sheldon Solomon, Tom Pyszczynski, and Jeff Greenberg). Le persone religiose risultano essere più felici e avere più alti livelli di benessere. Tuttavia ci sono molti fattori poco chiari di questa ricerca che non sono ancora stati completamente analizzati. A titolo di esempio, le persone che frequentano servizi religiosi hanno anche più amici e rapporti a causa della natura sociale della loro organizzazione, ma la causalità non è stata determinata.

Realizzazione è probabilmente l’aggiunta più recente e più controversa di modello di Seligman. Riguarda la soddisfazione e la centratura proprie di persone che vivono secondo i loro falori e sono soddisfatte della propria condizione.  Ci sono persone che trovano il loro benessere attraverso il raggiungimento di un fine e uno stato di realizzazione? Sicuramente ci sono. E se vogliamo essere felici è meglio trovare qualcosa che ci realizzi e che ci dia uno scopo nella vita.


Allora, qual è la mia conclusione? Dopo la lettura del libro (Fluorish By Dr. M. Seligman) sono ancora più convinto che il benessere costi lavoro e fatica – oggi forse più di prima, perché ci troviamo a lottare contro le felicità effimere e facili che ci vengono propinate perché consumiamo. E’ facile credere che la felicità sia raggiungibile con l’ultima versione della TV 3D! Ci aspettiamo che la felicità ci venga incontro, magari uscendo da un negozio. La signora felicità abita anche nel negozio, ma trasloca velocemente e permane più a lungo in posti più freddi e scomodi. Una cosa sicura è che il nostro benessere il nostro “fluorish” dipende da noi e ci vuole tempo (e siamo diventati una società molto impaziente) e impegno (e siamo diventati una società collettivamente pigra), per raggiungerlo. Quante volte mi sento dire da clienti: “Marco, sono stressata, vedi qui? Ho la psoriasi”. E a un mio invito a praticare 20 minuti di meditazione al giorno, mi sento rispondere: “ehh ma io non sono una persona paziente eh, non riesco a stare li 20 minuti.. e poi.. tutti i giorni?”. E sì, ci hanno abituati ad avere tutto e subito. Ma non funziona proprio cosi….

questo è il filmato –>


Please follow and like us:
No Comments

Post A Comment