La scienza della menzogna 1 - PSICOHELP, lo psicologo a portata di click
168
post-template-default,single,single-post,postid-168,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

La scienza della menzogna 1

La scienza della menzogna 1

Ti piacerebbe sapere come capire quando ti stanno mentendo? Non preoccuparti, questo non è il solito articolo scritto dal mago di turno che pretende di svelarti segreti infallibili sulla menzogna. Come di consueto quello che scrivo è basato su evidenze empirche 🙂

Ti dico da subito che smascherare la menzogna non è facile e che generalizzazioni del tipo “quando l’interlocutore si tocca il mento allora sta dicendo una bugia” oppure, “se non ti guarda negli occhi sta mentendo” sono appunto: generalizzazioni e non sono vere in tutti i casi.

Quello che puo’ essere fatto è appunto conoscere i segnali associati alla menzogna e non accontentarsi di trovarne uno ma cercare aggregati di segnali in modo da aumentare la probabilità di azzeccare la previsione. Per esempio, se il nostro interlocutore utilizza un linguaggio approssimativo, parla in terza persona, punta i piedi verso un uscita e si tocca parti del viso, allora la probabilità che stia mentendo aumenta.

Quello che abbiamo di sicuro sulla menzogna è che : dire bugie richiede un certo sforzo mentale, le emozioni associate al mentire possono mostrarsi attraverso movimenti o cambiamenti sottili nel comportamento, uno stato associato alla menzogna è lo stress e l’ansia. Gli scienziati che hanno studiato in modo approfondito questi aspetti sono: Ekmane Friesen.

Ma ora ti lascio alla prima parte della lezione magistrale di questa ricercatrice statunitense. Dopo una breve introduzione ti darà numerosi spunti per migliorare la tua capacità di scoprire le menzogne. Molto interessanti sono i filmati che porta come esempi… buona visione!

 

Essentially, people think that signs of deception should “leak” out through nonverbal behavior, or our body language, which is hard to completely control (see, Ekman and Friesen).


www.e-coach.it
coaching online
coaching a distanza

Please follow and like us:
No Comments

Post A Comment