Potere della mente e coaching positivo, altra lezione da Harvard 102 - PSICOHELP, lo psicologo a portata di click
316
post-template-default,single,single-post,postid-316,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Potere della mente e coaching positivo, altra lezione da Harvard 102

Potere della mente e coaching positivo, altra lezione da Harvard 102

Continua dal post precedente…

Non è tutto oro quello che luccicchicchia.. correggiamo il tiro e iniziamo a dire che spesso quello che viene propinato dai vari maghi e maghetti che troviamo in giro è esagerato. Si, quello che accade con libri e autori poco rigorosi è che una verità scientifica venga amplificata ed esagerata. Nel filmato il docente di Harvard mette in guardia dal credere all’onnipotenza della mente e porta dei dati statistici che mostrano la reale misura del potere del nostro pensiero sul corpo.

Verso la fine si parla anche di un altro esempio di quanto possa essere potente ed influente la nostra mente. Si tratta dell’effetto placebo. Ne avrai gia’ sentito parlare ma tuttavia voglio rinfrescare il concetto con due parole sull’argomento. Gli effetti del placebo sono tipicamente quelli cognitivi e quelli totalmente inconsci.
Nel campo cognitivo la coscienza gioca un ruolo fondamentale poiché la reazione a un trattamento dipende dalle aspettative che il curante riesce a creare nel cliente.
Sull’altra sponda, nei meccanismi non consapevoli o inconsci, come la produzione ormonale o l’attività del sistema immunitario, l’effetto placebo si attiva dopo una fase di “condizionamento” in cui il paziente impara ad associare il placebo (per esempio l’assunzione di una compressa ) alla scomparsa del problema, quale il dolore fisico.

L’effetto placebo e’ molto potente e fa intravedere quando le nostre percezioni siano in balia delle nostre credenze e in ultima analisi della nostra mente. Se grazie all’effetto placebo riesco a far sparire un mal di testa, immaginati quale sarà l’effetto di un altrettanto forte convinzione su comportamenti meno dolorosi ed importanti. La realtà viene creata dalla nostra mente. Ma fino ad un certo punto?

Il potere è limitato e,  per esempio l’effetto placebo non funziona nell’alleviare i sintomi dell’ Alzheimer. Questo perché c’e’ di mezzo una importante degenerazione organica non intaccabile dall’effetto placebo.

Continuiamo sulla strada che porta alla felicità, imparando come funzioniamo e mettendo in pratica tutta questa teoria. Puoi immaginarti come utilizzare le nozioni sino a qui introdotte per migliorare la tua vita? No? Beh allora ti basta rilassarti e seguire le lezioni di Ben S. dall’università di Harvard…lui ti guiderà in questo processo.

Buona visione .

coaching a distanza e coaching online quando vuoi e dove vuoi.

Please follow and like us:
No Comments

Post A Comment