Come Migliorare il rapporto con le altre persone
7710
post-template-default,single,single-post,postid-7710,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Rapporto con le altre persone: Considerazioni dall’esperienza di uno  Psicologo Online

Rapporto con le altre persone: Considerazioni dall’esperienza di uno  Psicologo Online

Il rapporto con le altre persone è per sua natura contraddistinto da una scambievolezza dinamica e persistente tra persone che comunicano sulla base dell’ ambizione di una comprensione reciproca . Ed è proprio questo aspetto, cioè la comprensione degli altri l’elemento più avverso ed emblematico della vita interconnessa che viviamo oggi.

Quando il rapporto con le altre persone è un rapporto a due

Ma senza andare lontano, per chi di noi è impegnato, la stessa presuzione di compresione e conoscenza dell’altro spesso riserva ai componenti della coppia disarmoniche sorprese. Infatti, spesso si crede di conoscere il proprio uomo o donna perfettamente, anzi intimamente, salvo poi a comprendere con grande disinganno che di questo individuo con il quale si può aver convissuto anche a lungo, si aveva una comprensione piuttosto superficiale, principalmente se essa ha comunicato ed agito con il l’esatto scopo di far intendere al proprio partner la parte più buona di sé, occultando volutamente – per non apparire poco attraenti o peggio ancora attaccabili – quella parte di sé che non si accetta o che si intende volutamente tenere segreta, o perfino sconosciuta a se stessi. Una analoga condotta potrebbe quanto meno sembrare ingannevole nei confronti dell’altro che avrebbe in questo modo ricevuto informazioni parziali e imperfette sul proprio interlocutore ottenendone un’ immagine fuorviante, non reale e soprattutto differente dalla realtà in quanto solo parzialmente corrispondente alle vere qualità psico-fisiche, relazionali ed emozionali della persona. Ma chi intenzionalmente avesse posto in essere una simile tecnica di comunicazione o di condotta manipolativa pensando di fare un affare, presto resterà assai amareggiato dalle conseguenze necessariamente negative che si troverà davanti. Non serve uno psicologo esperto del comportamento umano per capirlo. Infatti, su un piatto della bilancia ci sarebbe la delusione del partner “tradito” per la mal ricompensata fiducia, sull’altro un impulso ancora più grave: l’umiliazione di aver contraffatto a se stessi, con gravi perdite sul fronte dell’autostima. Detto questo, quali consigli posso offrire come Psicologo Online, e quindi piuttosto esperto di ambienti dove le persone tendono a dipingersi meglio di quello che sono,  a tutti quegli individui che si frequentano più o meno frequentemente con l’idea, il sogno o l’aspettativa avere un rapporto vero e magari anche intimo? Il discorso che segue è calibrato su una coppia ma potrebbe estendersi a molte altre dinamiche.

Conoscere l’altro è fondamentaleesplorare se stessi con lo psicologo online

Il primo suggerimento di base è senza dubbio quello di fare della conoscenza profonda dell’altro un punto rilevante e primario da cui poi deriverà in ultima analisi il buon trend del rapporto, che viene misurato praticamente da un caratteristico segnalatore: la brama di stare insieme . Si, proprio così, il periodo che si desidera passare con l’altro per comunicare, divertirsi, svilupparsi, ma anche per scontrarsi insieme con i problemi della vita, diventa un tempo di vita che implicitamente è la misurazione di un rapporto di coppia fortunato e che procede bene, in cui tutti e due i partner possono asserire di essere effettivamente contenti. Di solito quando lavoro come psicologo online, ma pure nel mio studio scopro che le persone non conoscono per niente il proprio partner. Sia esso un partner di lavoro che di vita.

A parte il sopraccitato parere di tipo universale, a chi è veramente attento e motivato a vivere un rapporto di coppia sereno, bilanciato ed armonioso si potrebbe proporre di acuire la conoscenza dell’altro facendo ricorso ad alcuni metodi della comunicazione interindividuale e dell’intelligenza emozionale. La psicologia positiva parla da tempo di mappe mentali, l’orientamento di un coach e psicologo online che si trova ad assistere clienti che vogliono migliorare la loro condizione di vita, non può non considerare spesso il costrutto di “ mappa mentale”. Questa è un’entità intrapsichica, ossia un costrutto mentale, che più naturalmente può essere definito come la nostra “mappa mentale” ; e il concetto di mappa mentale è, in una certa misura, acquisibile a quello di “forma mentis ”. Ognuno ha un proprio bagaglio di esperienze che concorre a creare un filtro attraverso il quale passano le informazioni che la persona riceve dell esterno e che emette verso l’eserno.

Rapporto con le altre persone e con i loro filtri percettivi

A questo punto una domanda lecita è: se ognuno ha il proprio “filtro”, i modi di filtrare sono affini o si distinguono nei partner che costituiscono una coppia? Siamo in grado subito affermare che sono somiglianti le “categorie ” di informazioni, ma queste spesso si diversificano tra loro, anche se fortuitamente possono combaciare. Un esempio è dato dai “valori”. La categoria “valori” contiene quei principi morali, etici, deontologici che guidano il modo di fare a livello soggettivo. Perciò se si può asserire che ciascuno ha la sua scala di valori , non è detto che quella di Marco coincida con quella di Marta. Marco, appunto, potrebbe collocare in testa alla propria scala il valore “onestà” seguito, ipotizziamo, in ordine di rilievo da altri valori come la sincerità, la famiglia, la libertà, la costanza, ecc.. L’importanza che invece Marta potrebbe dare a tali valori potrebbe essere interamente diversa, e quindi il valore “onestà” disporrebbe della facoltà essere esiliato in fondo alla sua scala di valori o non essere del tutto presente. Va da sé che l’intesa di due individui su determinati valori unifica e crea affinità, la divergenza, invece, separa. Se in una coppia al valore “fedeltà” viene assegnato un senso (peso) diverso, prima o poi potrà facilmente accadere ad uno o ad entrambi i partner di ritrovarsi coinvolti in storie amorose alternative.filtri percettivi dello psicologo online

Oltre ai valori, le altre classi di informazioni nel proprio “filtro” sono quelle attinenti alle credenze personali, , al sapere, allo stile di vita, alle angosce e ai preconcetti dai quali si è affetti, alle posizioni (politici, religiosi, sessuali, ecc.) alle norme e regole di comportamenti, all’ambiente educativo, al carattere, all’atteggiamento mentale (ottimista, pessimista), alla struttura cognitiva (rigida, flessibile), all’abilità nella gestione delle emozioni. La struttura del filtro viene inoltre definita sulla base di altre grandezze, che potremmo nominalizzare come: passioni – obiettivi – motivazioni – benefici . Anche queste sono “categorie” di informazioni che potrebbe essere di basilare importanza imparare dell’altro per poterne comprendere e in qualche modo prevedere il comportamento. Ovviamente ognuno ha le proprie passioni, i propri obiettivi sostenuti da personali motivazioni, che lasciano ipotizzare che ognuno ricerchi certi vantaggi o benefici nel rapporto con gli altri. Per concludere potremmo considerare, quindi, il “filtro” come il “motore ” del modo di agire, fonte fondamentale e senza fine di informazioni utili per conoscere meglio se stessi e gli altri. Perciò esso è, allo stesso tempo, un autorevole strumento di autoanalisi e un mezzo per capire il modo di fare di chi ci sta di fronte.

Conoscere i propri valori e quelli degli altri

Con questo in mente, tutti gli sforzi personalmente fatti per capire di più se stessi e gli altri verranno ricompensati, in quanto nello sforzo di comprendere più a fondo il partner, potremmo scoprire aree di somiglianza o di avvicinamento emotivo in grado di consolidare anche il legame di coppia. Viceversa, se il “filtro” dell’altro è per noi un terreno sconosciuto o poco conosciuto, è palese che si correrà il rischio di ritrovarsi a vivere e a esprimersi con un totale estraneo. E solo una serena ed infaticabile costanza e curiosità nel voler scoprire l’altro può fare effettivamente luce sulla individualità del soggetto, mettendoci al riparo da sgradite cose inaspettate. E qui, la capacità di saper porre interrogativi e specialmente di prestare attenzione con empatia , può rivelarsi un’arte realmente preziosa nel difficoltoso percorso verso la conoscenza del proprio partner. Dal punto di chi fa psicologia online per coppie e per individui che vogliono stare bene in qualsiasi relazione, possiamo dire che gran parte del lavoro viene fatto proprio per indirizzare le persone verso questa esplorazione. Come psicologo online ma anche nel mio studio privato, una delle prime cose che faccio fare è l’esplorare i propri valori. I consigli che seguono sono precetti di buon senso, che rappresentano solo la base per iniziare un processo di reciproca e profonda conoscenza, che se da un lato è un eccellente rimedio per non correre il pericolo di ritrovarsi a vivere un rapporto di coppia come estranei, dall’altro ci sembra il miglior rimedio per anticipare i mali generati dalla consuetudine, dalla noia, dall’apatia, importantissimo anche per promuovere una buona comunicazione interpersonale all’insegna del mutuo, della stima, della gratificazione e del benessere della coppia.consigli dello psicologo online su regole coppia

I consigli dello Psicologo Online

Comunicare in modo onesto e sincero:
in situazioni di opposizione di pareri, di resistenza e/o di ostilità, è fondamentale confrontarsi con serenità e ascoltare con calma, attenzione ed empatia anche le ragioni e i punti di vista dell’altro senza alcun preconcetto, e specialmente con la piena coscienza che l’apparente affermazione dell’uno sull’altro è uguale in realtà alla sconfitta di tutti e due. Se possibile, non lasciar passare più di 24 ore dall’eventuale lite per cercare di chiarire il problema o di oltrepassare al più presto la situazione conflittuale. E’ bene tener presente, inoltre, che gli scontri e i conflitti, peraltro assolutamente normali in una coppia, possono essere un momento di riflessione, di maggiore consapevolezza dell’altro, di raffronto e, quindi, di sviluppo e di miglioramento della coppia, ma possono anche diventare, come più spesso capita per carenza di intelligenza sociale,  una tagliola per il rapporto che rischia di svuotarsi di ogni impulso e si ritrova strozzato da prepotenti scontri diretti ad abbattere psicologicamente l’altro. Di conseguenza, quando ci si reperisce in situazioni di furente scontro è importante chiedere se si vuole creare un rapporto migliore o si vuole distruggere quello che si è già costruito.

Non cercare la perfezione nell’altro
rammentare che nessuno è perfetto è una regola d’oro frequentemente dimenticata che, se regolarmente considerata, può evitare inutili ansie e stress nella coppia. Se non accogliamo i limiti del nostro lui o lei o non sopportiamo i suoi difetti e le sue carenze, con molta probabilità non lo amiamo sufficientemente o forse abbiamo una idea alterata e infantile dell’amore. Questo potrà generare anche pungenti conflitti nel rapporto, ma a quel punto conviene chiedersi quali siano le ragioni di fondo della propria preferenza e darsi delle risposte coerenti. Insomma, volere per forza la perfezione nel rapporto di coppia o dal proprio partner è uguale a chiedere a un elefante di andare in bicicletta.  Bisognerebbe, invece, imparare ad accogliere i propri limiti e quelli altrui e saper essere innanzitutto aperti a quanto non ci piace in noi o nella persona con la quale si è deciso di condividere un progetto di vita. Non è sicuramente facile, ma è prova di grande maturità e di buon equilibrio interiore.

La coppia è un “noi” non un “io”
sembra scontato da dire, ma la coppia è fatta da due persone con necessità, motivazioni, passioni, attese e desideri talvolta diversi; e fino a quando nella coppia domineranno passioni personali e forme di egocentrismo, comunque espresse, non si andrà molto distante. Lo stare bene insieme, che ogni coppia desidera raggiungere, è invece possibile se i partner sono capaci di dare vita da subito a quel magico “senso del noi ” che è un impulso profondo, basato sulla condivisione di tutto ciò che crea e rinvigorisce un legame affettivo, e che va nutrito continuamente nel tempo.

Se hai problemi relazionali o vuoi un aiuto per migliorare la tua relazione, meglio agire subito, prima che la relazione si deteriori. Contattami scrivendo nel modulo qui sotto. Provo a rispondere a tutti nel giro di 2 giorni.

IL TUO NOME (richiesto)

LA TUA EMAIL (richiesto)

IL TUO NUMERO DI TELEFONO (richiesto)

CHI VUOI CONTATTARE
Dr.Marco GiacobbiDr.Federica Gradante

IL TUO MESSAGGIO

Nota: Per correttezza e rispetto della tua privacy, il sistema impedisce l'invio della mail senza il consenso al trattamento dei dati.

In ottemperanza dell'informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali", esprimo il consenso al trattamento dei miei dati sensibili conferito al direttore scientifico del sito dott. Marco Giacobbi

Please follow and like us:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.