Come superare la fine di una relazione, 10 regole che funzionano davvero
8436
post-template-default,single,single-post,postid-8436,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Superare la fine di una relazione, 12 regole

Superare la fine di una relazione, 12 regole

Prima o poi, tutti passano attraverso l’orribile processo della fine di una relazione amorosa. Superare la fine di una relazione diventa una cosa importantissima che ha effetti sul resto della vita affettiva della persona. Nella maggior parte dei casi si tratta di qualcosa di davvero spiacevole e doloroso. Nella mia pratica professionale di psicologo on line risulta essere una delle più comuni cause di richiesta di consulenza, d’altronde affrontare la fine di una relazione amorosa non è facile e può capitare di incagliarsi lungo il cammino per via della tristezza e dell’ossessione per il/la nostro/a ex.

Per questi motivi voglio scrivere alcune linee guida generali per superare il dolore della fine di una relazione nel modo più sano e adattivo possibile .

I passi per superare la fine di una relazione:

1. Piangi piangi e piangi di nuovo

Grida, urla, lasciati avvolgere dal dolore, condividilo con gli altri fino a quando non ci saranno più lacrime. La fine di una relazione rappresenta un vero e proprio processo di lutto, per questo è necessario passare attraverso diverse fasi. Piangere ti aiuterà ad arrivare ai passaggi successivi. Superare la fine di una relazione non è impossibile ma non è nemmeno indolore.

superare-la-fine-di-una-relazione-con-gli-amici2. Parlane con gli amici

Dì loro quello che provi, esprimiti, analizza con loro la tua situazione, continua a parlarne con i tuoi cari fino a quando il desiderio di parlare non verrà meno. Gli amici più utili in questo caso non sono quelli che liquidano la cosa dicendo: “ma si dai passerà”.  Gli amici che possono essere utili nell’elaborazione di questo lutto sono quelli che ti ascoltano e interagiscono con te, magari proponendoti attività che ti distraggano o ragionando con te del perchè sia andata cosi. Molte persone purtroppo si rivolgono a me come psicologo perchè non hanno amici che stiano ad ascoltare in modo proattivo.

3. Scrivi

Questo può aiutarti a vedere le cose con maggiore obiettività e ti permetterà di non dimenticare le cose, sia buone che cattive che hanno caratterizzato la vostra relazione di coppia. Un esercizio che prescrivo solitamente in questi casi è quello di scrivere una lettera particolare (si chiama lettera dell’addio) e di riscriverla più volte, con una cadenza ben precisa. Molti studi hanno dimostrato l’utilità dello scrivere nell’elaborazione del lutto.

4. Mantieniti occupato/a

Pensare a ciò che è accaduto è un bene, ma non lasciare che questo diventi superare-la-fine-di-una-relazione-distrarsiun’ossessione. Fai cose, esci con la gente, lavora, fai sport; insomma cerca di avere la mente occupata per superare al meglio la fine della tua relazione.

5. Pensa positivo

Si, chiaro, probabilmente ti senti uno straccio, e tutta questa situazione ti fa male, ma cerca di essere positivo. Dal male col tempo si impara e, alla fine, potresti anche accorgerti che interrompere la relazione era la cosa migliore che potesse succederti. Anche se ora può sembrarti impossibile, l’amore tornerà.

6. Sii razionale

Naturalmente ci sono state cose buone nella vostra relazione, ma se è terminata evidentemente le cose brutte hanno pesato di più. Non dimenticare il male, è per questo che è finita. Una prescrizione che di solito do a chi si rivolge al servizio di psicologo online è quella di pensare e fasi-superare-la-fine-di-una-relazionescrivere una cosa buona e una cosa brutta della relazione. Questo perchè dopo un abbandono, le persone tendono a vedere con nostalgia solo le cose positive ed è invece necessario bilanciare il ricordo per renderlo meno carico emotivamente.

7. Non punirti, non incolparti: non serve a niente se non a sentirsi peggio. Rimuovi quei “e se…” dal tuo vocabolario. Non è possibile tornare indietro, quello che è successo, è successo, e si, è molto doloroso, ma le cose non cambieranno. Superare la fine di una relazione non passa attraverso i sensi di colpa.

8. Pensa a te stesso/a

E’ tempo di essere egoista. Dimentica l’altro, evita di pensare a come se la starà passando. Ora è il momento di occuparti di te stesso.

9. In tempo di crisi non prendere decisioni importanti

Potresti essere confuso e avere idee non troppo chiare. Ci sono già molti cambiamenti, non farne più del necessario. Più tardi, quando andrà un po’ meglio avrai il tempo di decidere in modo più chiaro.

10. Fatti aiutare

Gli amici e la tua famiglia sono con te, puoi farti aiutare, lasciati sostenere, non rinunciare alla superare-fine-relazioneloro vicinanza. Se, nel corso del tempo, non noti alcun miglioramento, consulta uno psicologo, uno psicologo on line o fai meditazione. Se vedi che da solo non riesci a superare la fine della relazione semplicemente chiedi aiuto, non c’è motivo di vergognarsi o essere orgogliosi. Superare la fine di una relazione è più facile se ti farai aiutare. Potrei dire che è anche più veloce.

11. Abbi cura di te e coccolati

Prova a fare delle cose per te, come andare dal parrucchiere, comprare qualcosa di bello, un massaggio.Ama te stesso/a, tu sei il/la più importante.

12. Chiudi il capitolo

Volta pagina. La vita continua, questa non è la fine. Nel libro della tua vita, questo è solo un altro capitolo. Alla fine smetterà di far male e sarà solo un ricordo in più.

Se hai bisogno di aiuto scrivimi, sarò felice di dare una mano: 

IL TUO NOME (richiesto)

LA TUA EMAIL (richiesto)

IL TUO NUMERO DI TELEFONO (richiesto)

CHI VUOI CONTATTARE
Dr.Marco GiacobbiDr.Federica Gradante

IL TUO MESSAGGIO

Nota: Per correttezza e rispetto della tua privacy, il sistema impedisce l'invio della mail senza il consenso al trattamento dei dati.

In ottemperanza dell'informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali", esprimo il consenso al trattamento dei miei dati sensibili conferito al direttore scientifico del sito dott. Marco Giacobbi

Please follow and like us:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.