Superare Una Delusione - PSICOHELP, lo psicologo a portata di click
6802
page-template-default,page,page-id-6802,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,vss_width_768,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Superare Una Delusione

Non tutte le relazioni affettive durano per sempre. Nonostante questa sia la speranza iniziale. Le cause del fallimento sono di solito da indagare quando la realzione è ancora in essere e questo serve per capire se c’è spazio per recuperarla e migliorarla.

Tuttavia, quello di cui mi sono occupato in questi anni è di come transitare nel miglior modo da una situazione di tristezza e sconforto, ad uno stato di felicità ed accettazione. Attraverso un processo di apprendimento, anche la peggiore delle esperienze può essere utile ad insegnarci qualcosa. Se si fallisce questo processo, il rischio è quello di restare incastrati in una situazione di insoddisfazione che ci preclude una vita serena.

Il coaching online aiuta a risollevarsi. Inoltre, anche in questo campo particolare alcuni suggerimenti su come affrontare il distacco vengono dati dalla psicologia e anche dal buddismo. Uno studio ha dimostrato che un cuore spezzato fa male allo stesso modo di un dolore fisico. La ricerca ha dimostrato che le stesse regioni del cervello che si attivano in risposta a dolorose esperienze sensoriali vengono attivate durante intense esperienze di rifiuto sociale (E.Kross, 2011). Il coaching in questo ambito deve tenere conto di queste ed altre teorie per sviluppare un intervento valido e dai sicuri effetti nel tempo.

Sempre dal campo della psicologia, si è iniziato ad indagare il fenomeno dal punto di vista di una teoria, quella della self-expansion. Secondo i ricercatori, lo stato di sofferenza derivato dalla separazione deriva anche dalla “confusione” che facciamo fra noi stessi e la persona amata. Letteralmente includiamo questa persona in noi stessi, nel nostro se (P. Boelen, 2010). Siamo cosi bravi ad includere l’amato in noi stessi che tendiamo a confondere i nostri con i suoi tratti caratteriali. Da questo, la spiegazione ed alcune tecniche per alleviare lo sconforto dovuto alla separazione. Nel blog tratterò sicuramente di questi argomenti.

Sorprendentemente, il buddismo ha una enorme quantità di consigli utili per lavorare con questi stati e queste emozioni. Da diversi anni mi sono avvicinato alla meditazione e pur rimanendo un “uomo di scienza” riconosco l’utilità di queste pratiche. Esistono d’altra parte molte evidenze sulla loro efficacia nella gestione di comportamenti ed emozioni disfunzionali.

Il buddismo consiglia qualcosa che detto nelle parole di una monaca (Pema Chodron) suona cosi: “il meglio che possiamo fare con le delusioni è quello di accettarle, ascoltarle e osservarle senza giudizio”. Questo significa rivolgersi verso le proprie emozioni e non cercare di allontanarle. Significa lasciare che i sentimenti siano quello che sono senza cercare di spiegarli..

supporto psicologicoUn potentissimo strumento a disposizione di noi occidentali è quello della mindfulness. Questa pratica, importata da Jon Kabat Zinn è considerata strategica ed efficace da numerosi studi e ricerche. Personalmente mi sono avvicinato alla mindfulness diversi anni fa e poi ho deciso di intraprendere un percorso di formazione con l’università di Bangor (Regno Unito) e diversi seminari tenuti qui e la in europa. Posso dire che questa pratica mi ha cambiato (in meglio) la vita.